Skip to content

Centocinquanta sedi per una cattedra: al via le istanze nonostante la bufera sulle GPS

La mancata presentazione dell’istanza verrà interpretata come una rinuncia a partecipare alla procedura.

La scuola va avanti, o meglio la burocrazia scolastica va avanti. Infatti, nonostante gli innumerevoli errori di punteggio presenti nelle GPS diramate tra ieri e oggi, il Ministero tira dritto e ha aperto in mattinata la piattaforma per partecipare alle procedure di attribuzione dei contratti a tempo determinato nell’anno scolastico 2022/2023.

Nel periodo compreso tra le ore 09:00 del 2 agosto 2022 e le ore 14:00 del 16 agosto 2022, saranno disponibili le funzioni telematiche per la presentazione delle istanze finalizzate all’attribuzione degli incarichi a tempo determinato per la copertura dei posti di sostegno vacanti e disponibili, residuati dopo le ordinarie operazioni di immissione in ruolo, destinati ai docenti in possesso dei requisiti previsti dall’art. 3 del decreto ministeriale n.188 21/2022.

La procedura, inoltre è finalizzata all’attribuzione degli incarichi a tempo determinato per lo svolgimento di supplenze annuali per la copertura delle cattedre e posti d’insegnamento, su posto comune o di sostegno, vacanti e disponibili entro la data del 31 dicembre e che rimangano presumibilmente tali per tutto l’anno scolastico; supplenze temporanee sino al termine delle attività didattiche per la copertura di cattedre e posti d’insegnamento, su posto comune o di sostegno, non vacanti ma di fatto disponibili, resisi tali entro la data del 31 dicembre e fino al termine dell’anno scolastico e per le ore di insegnamento che non concorrano a costituire cattedre o posti orario.


Le istanze dovranno essere presentate esclusivamente in modalità telematica, ai sensi del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82. Per accedere alla compilazione dell’istanza occorre essere in possesso delle credenziali del Sistema pubblico di identità digitale (SPID) o di quelle della Carta di Identità Elettronica (CIE). Inoltre, occorre essere abilitati al servizio Istanze Online (POLIS). All’istanza si accederà tramite un link diretto presente sulla home page del suddetto portale delle istanze online.


La mancata presentazione dell’istanza comporta la rinuncia alla partecipazione alla procedura. La mancata indicazione di talune sedi è intesa quale rinuncia per le sedi non espresse. In caso di indicazione di preferenze sintetiche, l’assegnazione delle sedi all’interno del comune o del distretto è effettuata sulla base dell’ordinamento alfanumerico crescente del codice meccanografico delle istituzioni scolastiche.

Articoli recenti

Privacy Policy Designed using Unos. Powered by WordPress.

  • Sign up
Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

MODULO INVIATO CORRETTAMENTE

TI CONTATTEREMO A BREVE