AFAM, per la cessazione del servizio bisogna presentare le domande entro il 30 gennaio

Importanti novità sulle pensioni del personale docente e tecnico amministrativo di Accademie di Belle Arti, Accademie Nazionali di Danza e di Arte Drammatica, Conservatori di musica e ISIA per il prossimo anno accademico.

Il MUR ha pubblicato la nota 120 del 9 gennaio 2023 riguardante le indicazioni operative relative alla cessazione dal servizio del personale delle istituzioni AFAM a far data dall’anno accademico 2023/2024. Il 30 gennaio 2023 sarà il termine ultimo per presentare le dimissioni dal servizio al fine di avere accesso alla tipologia di pensionamento per il quale il personale interessato possiede i requisiti previsti dalla normativa vigente.

La scadenza del 30 gennaio 2023 riguarderà la richiesta di cessazione dal servizio per:

  • chi compia 67 anni di età entro il 31 dicembre 2023 avendo maturato almeno 20 anni di anzianità contributiva (pensione di vecchiaia);
  • chi maturi, entro il 31 dicembre 2023, 41 anni e 10 mesi di anzianità contributiva (per le donne) o 42 anni e 10 mesi (per gli uomini), con esclusione di qualsiasi arrotondamento (pensione anticipata);
  • chi maturi, entro il 31 dicembre 2023, una anzianità anagrafica di almeno 62 anni e una anzianità contributiva di almeno 41 anni (“quota 103”): tale opzione prevede una pensione ridotta in ragione della minore anzianità contributiva;
  • chi abbia già maturato, entro il 31 dicembre 2022, un’anzianità anagrafica di almeno 64 anni di età e 38 anni di contributi (“quota 102”): tale opzione prevede una pensione ridotta in ragione della minore anzianità contributiva;
  • chi abbia già maturato, entro il 31 dicembre 2021, un’anzianità anagrafica di almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi (“quota 100”): tale opzione prevede una pensione ridotta in ragione della minore anzianità contributiva.

Lo stesso termine del 30 gennaio 2023 vale per:

  • la richiesta di trasformazione del rapporto di lavoro in tempo parziale e pensione.
  • la domanda di trattenimento in servizio del personale tecnico amministrativo che compiendo 67 anni entro il 31 ottobre, non possiede il requisito dei 20 anni di contributi utili all’accesso all’assegno pensionistico.

Il trattenimento in servizio è previsto fino ai 71 anni di età. La data del 6 febbraio 2023 sarà il termine ultimo per rinunciare alla domanda di cessazione dal servizio già presentata.

La legge di bilancio ha introdotto un significativo cambiamento dei requisiti per l’accesso a questo istituto previdenziale. Infatti riguarderà il personale di sesso femminile che al 31 dicembre 2022 abbiano compiuto 60 anni (requisito che si riduce di un anno per ogni figlio fino a un massimo di 2 anni), abbiano maturato un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni e che siano caregivers o abbiano un’invalidità di almeno il 74%.

Articoli recenti
  • Sign up
Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

MODULO INVIATO CORRETTAMENTE

TI CONTATTEREMO A BREVE