Dal Green Pass al trasporto pubblico, tutti i dubbi del sottosegretario Floridia

Una scelta che ha l’obiettivo di far tornare in sicurezza e in presenza tutti gli studenti in classe a settembre. Ma che la sottosegretaria al ministero dell’Istruzione ed esponente del Movimento 5 Stelle, Barbara Floridia, sembra condividere solo in parte. Insomma, sì al green pass, ma no alle sanzioni, è la sua posizione. Questa è la posizione della Floridia, in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera: “Ritengo che le sanzioni pecuniarie contro i dirigenti scolastici e il personale scolastico siano un accanimento – spiega la Floridia – Sono favorevole al green pass e anche al fatto che si debbano prendere provvedimenti per omesso controllo o per assenza del green pass. Ma non con le sanzioni amministrative. Ci sono tanti metodi. È davvero troppo sospendere i docenti e il personale Ata e togliere lo stipendio a chi dopo cinque giorni non presenta il green pass”.

Docenti in biblioteca

L’alternativa arriva direttamente dalla sottosegretaria: “Un modo potrebbe essere quello di spostare le persone senza il green pass in luoghi dove non ci sono contatti con i ragazzi. Penso alle biblioteche, ai laboratori, alle segreterie per programmazione e progettualità didattiche. E poi dobbiamo pensare che non saranno tanti quelli che non avranno il green pass”.

Le sanzioni

Sicuramente la Floridia è contro le sanzioni al personale scolastico e per i presidi che non verificano se un docente sia in possesso o meno del certificato verde: “Non è questa la strada. Intanto bisogna capire chi controlla chi. Come si fa a capire che un dirigente scolastico ha omesso il controllo? Non è chiara la norma. Bisogna ragionare su una soluzione alternativa che non può essere eccessivamente gravosa per i dirigenti scolastici”.

Mezzi pubblici

Problema ancora irrisolto è quello del trasporto pubblico: “Dobbiamo tenere presente – conclude la Floridia – che il problema del contagio più che dentro la scuola è fuori. E per questo ho attivato un software che da metà settembre sarà a disposizione di Comuni e Regioni. Calcola il flusso dei tragitti che gli studenti fanno per venire a scuola. In questa maniera si può decidere meglio in che modo implementare i trasporti pubblici”.

  • Sign up
Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

MODULO INVIATO CORRETTAMENTE

TI CONTATTEREMO A BREVE